Da sinistra: premiato al "Rally Ronde Camuna 2007", e al Rally di Monza sul bagnato in coppia sempre con Maifredini (foto Alquati)

L'automobilismo in Vallecamonica è stato da sempre una fucina di veri talenti del volante, gente che sia nell'ambito locale che internazionale ha saputo tenere alto l'onore sportivo e i colori della nostra Valle. In 45 anni di storia, la Malegno-Ossimo-Borno ha sfornato una nutrita schiera di validi piloti; uno di questi è senza ombra di dubbio Felice Ducoli, il quale può vantare una splendida carriera automobilistica che dura ininterrottamente da 25 anni.

Nato nel 1956, da anni titolare di un'officina di torneria, il pilota brenese fa il suo debutto nel 1984 prendendo parte alla Malegno-Borno al volante di una A112. I Risultati arrivano ben presto: nello stesso anno giunge 2° di Classe in N4 al Rally del Pane ad Adria guidando una Opel Corsa. Gli avversari sono avvertiti...

 

 

 

  

 

In apertura di pagina: Felice Ducoli festeggia la vittoria assoluta al "3° Rally Ronde Camuna", in coppia col navigatore Giovanni Maifredini. Sopra a sinistra: la prima vettura di Ducoli utilizzata per il suo debutto agonistico, una A112 con cui ha esordito alla "Malegno-Borno" 1984. A destra: "Malegno-Borno" edizione 1987 alla guida della Lancia 037 (Attualfoto)

 

Nel 1985 torna con la A112 in Gruppo A disputando altre gare tra cui Malegno e il Rally Valli Bresciane. L'anno successivo avviene il passaggio ad una Fiat 127, dove, sempre in Gruppo A, giunge 3° di Classe 1150 alla Malegno-Borno e addirittura 1° alla Piancamuno-Montecampione. Quest'ultima gara gli porterà bene anche nel 1987, dove però si piazzerà 3° di Classe. E' l'anno del salto di qualità, i tempi sono maturi per vetture un poco più potenti ed ecco che Ducoli balza a bordo di una Lancia 037. I risultati sono lusinghieri, ma nel 1988 lo troviamo alla guida di una Peugeot 205 GTI con cui conquista la vittoria in Gruppo A alla Piancamuno-Montecampione e un 3° di Classe al Rally Vallecamonica.

Altro cambio di vettura nel 1989 ed è il turno della Ford Sierra Cosworth con la quale Felice se la gioca in varie occasioni contro ottimi avversari, vincendo nuovamente il Gruppo A a Montecampione e un ottimo 9° posto Assoluto al Rally "Paesi d'Arte" dove ottiene anche un 3° di Classe.

Dal 1990 in poi, Ducoli passa alla Lancia Delta Integrale, la vettura che lui stesso dichiara di aver amato di più. Pur guidandone modelli via via di differenti evoluzioni, rimarrà per diversi anni fedele al "Deltone" col quale inizierà una lunga serie di successi. Vince (di nuovo) il Gruppo A a Montecampione risultando primo assoluto tra i piloti camuni. Di seguito, strappa un buon 3° di Classe alla salita del Monte Maddalena a Brescia e brilla anche alla Malegno-Borno cogliendo un 2° posto, sia di Classe che di Gruppo A.

Sempre a podio anche nel 1991: 2° di Classe sia a Montecampione che a Borno. L'anno seguente, il 1992, altro poker di risultati: giunge sesto assoluto alla "Morbegno-Albaredo", una giovane cronoscalata valtellinese che purtroppo avrà breve vita, completando il successo con la vittoria in Gruppo A e relativa Classe. Poi ancora 1° di Classe alla "Monte Maddalena", 3° di Classe a Piancamuno e 3° di Gruppo A al Trofeo Vallecamonica. Sempre in quest'ultima gara, conquisterà il 2° posto in Gruppo A nel 1993

 

 

Il 1994 lo vede al via alla nuova Cronoscalata Val Saviore (in seguito conosciuta anche come "Demo-Cevo") dove giunge ancora 1° di Classe. Nello stesso anno chiude al 3° posto assoluto il Rally Vallecamonica risultando, ancora una volta, primo tra i piloti camuni.

1995: la "Malegno-Borno" approda in Campionato Europeo e la concorrenza si fa ancora maggiore. Nonostante tutto, Ducoli guida la sua Lancia Delta HF mettendo tutta la grinta e l'esperienza maturata negli anni e giunge 3° di Gruppo A. Meno fortuna avrà l'anno successivo: nella curva dopo il Bivio di Lozio gli "esplode" il disco del freno anteriore sinistro facendo staccare la ruota, che come impazzita, precederà la Delta HF di qualche secondo, costringendo il pilota a manovre da "stuntman" per evitare di andare dritto contro il rail e...incontro a danni sicuramente maggiori!

Nel 1996 altro bel 2° di Classe alla "Montecampione", e con il 1997 arriva un altro cambio di vettura. Con una Renault Clio Maxi si cimenta nel Gruppo "Supersalita": i risultati sono molto buoni, anche se il diluvio di Malegno gli impedirà in qualche modo di andare a podio. Vince comunque la Classe alla "Valsaviore".

Un buon 7° assoluto alla "Montecampione" del 1998, coronato dal 1° di Classe e il 1° di Gruppo A. E' l'anno della Ford Escort Cosworth: a Borno si piazza comunque subito dietro al "trio Bmw" composto dagli imbattibili Kramsky, Liska e Barbieri.

1999: altro passaggio alla categoria Supersalita in Classe A/1 con la Ford Puma Kit con la quale strappa il 2° di Gruppo a Malegno. Giunge 2° di Classe anche alla "Montecampione", mentre alla "Valsaviore" vince Classe, Gruppo e chiude al 4° posto assoluto.

Il terzo millennio inizia per Ducoli con il ritorno all'amata Lancia Delta che lo porta a chiudere 2° di Gruppo A a Borno nel 2000. Poi ancora 4° Assoluto alla "Valsaviore" e 1° di Classe alla "Montecampione". Negli anni successivi passa alla guida di una Renault Clio Trophy V6 3000, ma per rivederlo ai primi posti bisognerà attendere il 2003, dove riprenderà a fare incetta di piazzamenti alla "Valsaviore" (2° di Classe).

 

 

 

  

 

Ancora "Malegno-Borno", ancora Lancia Delta e... ancora piazzato: 2° di Gruppo, edizione 2000

 

 

Dal 2004 Felice fa un'ulteriore progressione, "assaggiando" una Mitsubishi Lancer Evo6: vettura più che altro performante nei Rallies, ma che comunque non manca di dar spettacolo anche nelle Cronoscalate. Grazie a questa vettura Ducoli non si limiterà più solamente alle gare locali, ma inizierà a gareggiare anche in altre competizioni del Nord Italia tra cui numerosi Rallies disputati a fianco del navigatore Giovanni Maifredini. La Mitsubishi darà grosse soddisfazioni al pilota brenese: dopo un iniziale 4° posto in A/5 a Borno, sarà poi un 2° di Gruppo a Piancamuno, ma non solo: ottimi piazzamenti arriveranno poi anche nel "Monza Rally Show" sempre nel 2004, ripetuti pure l'anno seguente.

 

 

 

   

 

A sinistra: con la Renault Clio Maxi nel 2002 (Sportfoto) e a destra, sempre a Malegno nell'edizione 2005  (Foto Alquati)

 

 

 

Dopo alcune gare poco fortunate con il "Lancer" Evo7 (ritirato al Rally Vallecamonica), nel 2005 passa a una Subaru Wrc con cui conquista un brillante 3° Assoluto al "Rally Ronde Camuna".

Torna nel 2006 con la Mitsubishi Lancer, questa volta il modello "evoluzione 9" e partecipa ad alcuni Rallies (Monza e Vallecamonica), i risultati non sembrano molto incoraggianti ma ecco che arriva un bel 1° posto di Gruppo N al "Rally Ronde Selvino" nel bergamasco e un 2° sempre in Gruppo N alla "Malegno-Borno". Nello stesso anno su Toyota Corolla Wrc arriva 4° assoluto al "Rally Ronde Camuna".

 

 

 

 

Felice Ducoli col fido navigatore Maifredini nel "Rally Ronde Camuna" 2006 a bordo della Toyota Corolla WRC

 

 

Nel 2007 arriva finalmente la sua prima vittoria assoluta in un Rally, precisamente al "Ronde Camuna" alla guida di una Peugeot 206 Wrc. Con la stessa vettura si piazza anche 7° assoluto alla "Demo-Cevo", dove vince anche Classe e Gruppo. Con la Mitsubishi invece, continua la serie positiva di piazzamenti: 4° al Rally Valcamonica, 2° di Classe alla "Malegno-Borno" e ottimi risultati anche al Rally di Monza.

La stagione 2008 si apre nel migliore dei modi: 2° di Classe a Borno, sempre con la Mitsubishi Lancer, 4° assoluto al Rally Vallecamonica vincendo anche il Gruppo, infine 2° assoluto al "Rally Ronde Vallecamonica" su Peugeot 206 Wrc e in finale di stagione, 1° di Classe alla "Marone-Zone".

 

 

 

 

Sotto: altra brillante prestazione di Ducoli, 1° di Classe alla "Marone-Zone" 2008 (foto Drawo69)

 

 

Altre immagini di Felice Ducoli sono presenti anche nella "Cronostoria" del sito. Si ringrazia infinitamente lo stesso Ducoli per tutto il materiale gentilmente messo a disposizione.