Un primo piano di Giancarlo Ronchi al via della cronoscalata "Alpe del Nevegal" nel 1998

 

 

 Giancarlo Ronchi ci ha lasciati il 2 settembre 2008, prossimo ai 76 anni. Il popolarissimo "Nonnojet" (così era affettuosamente conosciuto nell'ambiente motoristico) era nato infatti il 3 ottobre 1932 e fino a poco tempo fa era ancora attivo, partecipando a diverse cronoscalate in particolar modo nel Nord Italia. Trevisano, vantava una carriera agonistica durata oltre 40 anni, iniziata nel 1961 con la Fiat 500 in Categoria Turismo. Nel corso degli anni Ronchi ha corso in ogni Categoria, guidando praticamente di tutto e giungendo quasi sempre a ridosso dei primi posti di Classe, talvolta vincendo e cogliendo anche alcuni significativi piazzamenti assoluti. Partendo con la Fiat 500, passando poi per le Fiat 600 e di seguito la 1100, ha disputato numerose gare anche al volante di Bmw 700, poi ancora le Abarth 850, le 1000 OT e OTS, successivamente negli anni '70 corse con vetture Lancia come la Fulvia HF, le Beta Coupè 1800 e 2000 e l'Alpine A110.

Al Trofeo Vallecamonica non mancava quasi mai: specialmente a partire dal 1982, anno della ripresa della gara dopo l'interruzione durata cinque anni, lo si è visto cimentarsi alla guida della Fiat Ritmo 75, per alcuni anni con la Renault 5 Alpine, poi con un' Alfa Romeo Alfasud 1600 e addirittura con una Pantera De Tomaso. Tornato per alcuni anni con la Fiat Ritmo (questa volta la "130"), ha fatto il suo vero salto di qualità nei primi anni '90 correndo per alcuni anni nella categoria Prototipi, dapprima con una Lucchini Sport Nazionale proseguendo poi su una Symbol, con la quale ha brillato con ottimi risultati conquistati anche sul bagnato, culminando con uno splendido 2° posto Assoluto alla "Romagnano-Azzago" del 1997 dietro nientemeno che a Ezio Baribbi.

Gli ultimi anni lo vedono al via nelle gare riservate alle Auto Storiche, dove si diverte con una splendida Bmw 2002Tii del 1973 che ha più volte diviso - a turno - col figlio Otello, anch'esso pilota e grande appassionato come il papà.

Nella sua lunghissima carriera ha vinto diverse volte il Campionato Triveneto della Montagna e per due volte il Trofeo della Montagna di Gruppo 4.

 

 

 

 

 

Una bella carrellata di immagini in ricordo di Giancarlo Ronchi. Sopra, a sinistra: con la Fiat Ritmo (foto LV Racing). A destra: con la Lancia Beta al Trofeo "Città di Orvieto" nel 1979 (foto di Sergio Febbraro)

 

 

 

A sinistra: durante le verifiche tecniche alla "Malegno-Borno" 1976, sempre con la Lancia Beta. A destra: in pista con la Fiat Ritmo, a Misano nel 1981

 

 

 

Un altro paio di immagini d'epoca. A sinitra, Giancarlo Ronchi in azione sull'Alpine A110 alla "Verzegnis-Sella" del 1982. A destra, siamo nella stagione 1984 ed è il turno della De Tomaso Pantera.

 

 

Alcune foto di fine anni '90. A sinistra: "Nonnojet" alla guida della Symbol conquista il 2° posto Assoluto dietro a Ezio Baribbi alla "Romagnano-Azzago" 1997. A destra: un bel passaggio sul bagnato nell'edizione 1998 della "Pedavena-Croce d'Aune", sempre con la Symbol.

 

 

Sopra: sempre con la Symbol alla "Alpe del Nevegal" 1998. A destra: con la fedele BMW 2002 Tii si cimenta nelle Auto Storiche alla "Malegno-Borno" del 2005.

Sotto: una delle ultime partecipazioni di "Nonnojet" Giancarlo Ronchi, alla "Caprino-Spiazzi" 2006 con a fianco il figlio Otello.

 

 

Si ringraziano caldamente per la loro amichevole collaborazione e per le immagini:

 

Alberto Baisini  -  J.B. Fender  -  Otello Ronchi "Ronracing"

 

del Forum  www.cronoscalate.it