46. TROFEO VALLECAMONICA - 3/4 SETTEMBRE 2016

ZANARDINI, UN CONVINCENTE LAMPO DI CLASSE




Mirko Zanardini, brillante vincitore di questa edizione (foto Salvetti)


Questa nuova "Malegno-Ossimo-Borno" verrà certamente ricordata come un'edizione di transizione: sono troppi anni ormai -se escludiamo la parentesi del 2012- che dai "piani alti" dell'automobilismo internazionale alla bella gara camuna vengono riservati trattamenti a dir poco... fantozziani. Se fino a qualche tempo fa ci fossero state delle mancanze (più o meno gravi) ormai espiate, oggi questo continuo infierire nei confronti di una delle più antiche e belle salite europee (a detta dei piloti stessi) comincia a essere non solo umiliante nei confronti di chi l'ha ideata e la organizza e/o di chi la promuove, ma anche oltremodo fastidioso se confrontiamo la cronoscalata bresciana con altre estere che sarebbero da definire più che altro... cronodiscese (senza voler far polemiche, visto che quelle già abbondano su altri lidi).

La premessa vale come risposta a quanti chiedono il motivo dell'ennesima esclusione di questa cronoscalata dal campionato europeo o italiano, oltre al fatto che quest'anno mancavano i nomi più altisonanti della specialità in quanto nel calendario 2016 ci si è scontrati nella concomitanza con una gara di validità europea in Slovenia, posta peraltro in una fase cruciale del campionato. Questo non è tuttavia bastato a tenere lontano il pubblico (benchè visivamente inferiore all'anno passato) e nemmeno lo spettacolo, visto che comunque si è potuto assistere a qualche bell'exploit da quei piloti definiti -a torto- "comprimari" ma che in realtà sanno battersi in maniera onesta e competitiva, valori avallati anche dagli inequivocabili rilievi del cronometro. I piloti sono accorsi comunque in centotrenta. Mica roba da poco.

Detto questo, c'è da registrare la splendida prima vittoria assoluta del camuno Mirko Zanardini, ragazzo veloce e combattivo, partito come i suoi predecessori dalla lunga gavetta iniziata con vetture di bassa cilindrata e culminata nella vittoria dopo un'inarrestabile escalation che già in più occasioni lo ha portato a battersi contro i migliori. Questa volta il camuno ha dovuto vedersela contro quell'osso duro che porta il nome di Fausto Bormolini, ma soprattutto contro il sorprendente Michele Fattorini che nelle prove di sabato sembrava aver già messo un piede sul gradino più alto del podio (oltretutto scendendo sotto il fatidico "muro dei 4 primi"), ma che in gara ha dovuto arrendersi prematuramente per problemi alla sua vettura. Una lotta sul filo dei centesimi equilibrata, in cui si è inserito anche il cinquantaquattrenne trentino Adolfo Bottura che alla fine si è piazzato sorprendentemente al terzo posto, subito dietro a Bormolini.

Negli altri Gruppi, una splendida vittoria di Luca Tosini in Gruppo N, con il legittimo rammarico di non aver potuto disporre di una vettura prototipo, con la quale sicuramente avrebbe potuto giocarsi concrete chances per vincere l'assoluta. Un ormai striminzito Gruppo A non ha in ogni caso tolto alcun valore alla bella prestazione di Claudio Fattorelli, che con la sua Honda Civic è stato regolarmente sotto i 5 minuti. Il campione ferrarista Roberto Ragazzi si aggiudica invece il Gruppo GT vincendo il confronto con le Porsche di Frijo e Parrino, mentre nel Gruppo RS questa volta ha avuto la meglio il camuno Ilario Bondioni, sinora abituato però a ben altro tipo di vetture.

Non si è visto tra i tornanti il milanese Gianni Giudici, che compariva tra gli iscritti, mentre va un plauso a "Zio" Lino Vardanega, che alla bella età di 76 anni e a gara ormai compromessa nella prima manche, decide di effettuare comunque la Gara2 ottenendo un notevole 4'44"35: una bella dimostrazione di guida e di passione vera.

Tra le "quote rosa" invece, van ricordate le partecipazioni di Deborah Broccolini, della debuttante Francesca Furloni (alla sua prima gara in assoluto) ma soprattutto di Rachele Somaschini, testimonial per la lotta alla fibrosi cistica, che al volante di una Mini Cooper ha conquistato il terzo posto di Classe 1600 nel Gruppo RS Plus, dietro a due tipi dal piede tutt'altro che leggero come i camuni Ilario Bondioni e Federico Ducoli. Applausi sinceri per tutte e tre.

Da segnalare lo straordinario risultato di Mauro Soretti nel Gruppo E1: con una Subaru Impreza ha fatto registrare tempi da record il migliore dei quali, il 4'16"91 ottenuto in Gara2, è probabilmente il migliore in assoluto fatto segnare da una vettura "non prototipo" da quando son state introdotte le chicanes sul percorso. Considerando che il pilota bresciano di Alfianello è solo alla sua terza esperienza in una corsa in salita, lo spettacolo che ha offerto al pubblico -il rumore della sua Subaru sarà arrivato sicuramente anche in Slovenia!- può senza ombra di dubbio compensare l'assenza di piloti più blasonati. Avercene!

 


 

CLASSIFICA ASSOLUTA

1. MIRKO ZANARDINI (OSELLA PA-2000 EVO2) 7'46"04 - Kmh 132,70

2. FAUSTO BORMOLINI (REYNARD K02) 7'48"00

3. ADOLFO BOTTURA (OSELLA FA-30 ZYTEK) 8'04"83

4. RENZO NAPIONE (REYNARD K02) 8'12"19

5. ENRICO ZANDONA' (FORMULA REYNARD 883) 8'18"02

6. FRANCESCO TURATELLO (OSELLA PA-21S EVO) 8'20"30

7. GIANCARLO GRAZIOSI (TATUUS FORMULA MASTER) 8'23"32

8. GINO PEDROTTI (FORMULA RENAULT) 8'26"31

9. FRANCO MANZONI (OSELLA PA-21 EVO) 8'27"12

10. STEFANO FALCETTA (NORMA M-20 EVO) 8'27"79


 


GRUPPO N - CLASSE 1400

1. GIOVANNI EVAN LAINI (PEUGEOT 106) 11'08"93 - Kmh 92,50

2. ENRICO GHEZA (PEUGEOT 106) 11'17"82






In costante miglioramento, Laini conquista la vittoria di classe (foto Salvetti)

 

GRUPPO N - CLASSE 1600

1. MATTEO SABBADINI (HONDA CIVIC) 10'24"35 - Kmh 99,100

2. MANUEL BAISOTTI (PEUGEOT 106) 10'46"14

3. ANGELO FOSTINI (PEUGEOT 106) 10'51"44

4. NATALE BELOMETTI (PEUGEOT 106) 10'53"19

5. FRANCESCA FURLONI (PEUGEOT 106) 11'34"25

6. PIERINO MINO (PEUGEOT 106) 11'48"80

7. MAURIZIO STAFFONI (PEUGEOT 106) 12'44"81







A Lino Vardanega sarebbe andata decisamente meglio, se fosse riuscito a chiudere anche la Gara1 (foto Salvetti)

 

GRUPPO N - CLASSE 2000

1. LUCA TOSINI (HONDA CIVIC) 9'40"66 - Kmh 106,500

2. ADRIANO PILOTTO (HONDA CIVIC TYPE-R) 10'06"42

3. GIORGIO MENDENI (RENAULT CLIO RS) 10'07"75

4. FABIO ZENDRA (RENAULT CLIO RS) 10'32"05

5. EZIO FILINI (RENAULT CLIO RS) 11'04"38







Luca Tosini, costretto rispetto agli anni scorsi a ripiegare su una vettura di categoria inferiore, ribadisce comunque la sua supremazia, vincendo agevolmente il Gruppo N (foto Salvetti)

 

GRUPPO A - CLASSE 1400

1. EMANUELE SPOSETTI (PEUGEOT 106 RALLY) 10'39"01 - Kmh 96,800

2. ANDREA LAPI (PEUGEOT 106) 10'48"64

3. BORTOLO MENDENI (PEUGEOT 106) 10'55"34

4. DAVIDE GIUDICI (PEUGEOT 106) 10'57"29

5. VITTORIO BOMMARTINI (PEUGEOT 106) 11'25"63

 

GRUPPO A - CLASSE 1600

1. CLAUDIO FATTORELLI (HONDA CIVIC EK4) 9'45"71 - Kmh 105,600

2. FABRIZIO BOMMARTINI (HONDA CIVIC EK4) 9'47"74

3. GIAN ANTONIO FRANZONI (CITROEN SAXO VTS) 9'58"01

4. OTELLO RONCHI (RENAULT TWINGO RS) 10'33"19







Ecco il vincitore del Gruppo A, Claudio Fattorelli (foto Salvetti)

 

GRUPPO RACING START - CLASSE 1600

1. MARCO CAPPELLO (HONDA CIVIC) 10'30"96 - Kmh 98,000

2. MAURIZIO MAGRI (PEUGEOT 106) 11'08"82

3. VALTER MOSCARDI (CITROEN SAXO VTS) 11'18"19

4. MICHELE CARGNEL (CITROEN SAXO VTS) 11'27"16







Dal simulatore alla realtà, per molti giovani piloti come Michele Cargnel, incoraggiato anche dal nostro Staff (foto Salvetti)

 

GRUPPO RACING START - CLASSE 2000

1. ALESSANDRO LEIDI (HONDA CIVIC TYPE-R) 10'26"06 - Kmh 98,800

2. ALEX BET (HONDA INTEGRA TYPE-R) 10'45"62

3. GIUSEPPE ZENDRA (RENAULT NEW CLIO) 10'58"88

4. PARIDE FILIPPI (BMW 320i) 12'17"19

 

GRUPPO RACING START - CLASSE TB1600

1. ERIC ZERLA (MINI COOPER) 10'12"25 - Kmh 101,000

2. STEFANO GHEZA (MINI COOPER S) 10'38"16






Vittoria schiacciante per Eric Zerla nel Gruppo Racing Start (foto Salvetti)

 

GRUPPO RACING START PLUS - CLASSE RS 2000 PLUS

1. LUCA ZUURBIER (RENAULT CLIO CUP) 9'41"79 - Kmh 106,300

2. FRANCESCO LAFFRANCHI (RENAULT CLIO RS CUP) 9'49"92

 

GRUPPO RACING START PLUS - CLASSE RS TB 1600 PLUS

1. ILARIO BONDIONI (MINI COOPER) 9'25"10 - Kmh 109,400

2. FEDERICO DUCOLI (MINI COOPER) 9'50"59

3. RACHELE SOMASCHINI (MINI COOPER) 9'52"48

4. PIERANGELO BETTONI (MINI COOPER) 9'57"10

5. MAICOL MASSA (MINI COOPER) 10'22"03

6. MARIO TACCHINI (MINI COOPER) 10'30"42

7. DEBORAH BROCCOLINI (MINI COOPER) 10'41"15




  


Nella bella lotta in Gruppo RS Plus, ecco da sinistra Ilario Bondioni e Maicol Massa (foto Salvetti)

 

GRUPPO RACING START PLUS - CLASSE RS TW 1600 PLUS

1. ANDREA MARCHESANI (VOKSWAGEN POLO) 9'58"65 - Kmh 103,300

 

GRUPPO E1 - CLASSE 1600

1. MICHELE GHIRARDO (HONDA CIVIC) 9'30"63 - Kmh 108,400

2. "ZIO FESTER" (HONDA CIVIC) 10'19"09

3. DAVIDE ROSSI (CITROEN SAXO) 10'21"22




  


Sopra, a sinistra: Michele Ghirardo ribadisce la sua vittoria di classe contro Zio Fester. A destra: la Renault Clio di Enrico Pezzoli, subito dopo un incidente in prova (foto: Salvetti)




GRUPPO E1 - CLASSE 2000

1. DAMIANO SCHENA (RENAULT CLIO CUP) 9'20"84 - Kmh 110,300

2. ROBERT LANZONI (OPEL ASTRA) 9'32"48

3. ALESSANDRO GUIZZETTI (RENAULT CLIO CUP) 10'00"72




GRUPPO E1 - CLASSE 3000

1. MAURO SORETTI (SUBARU IMPREZA) 8'34"77 - Kmh 120,100

2. BRUNO PIANTONI (MASERATI GHIBLI) 9'54"35







Straordinario Mauro Soretti: il bresciano ha effettuato due manches da record (foto Salvetti)




GRUPPO E1N - CLASSE 2000

1. ROBERTO AMICI (RENAULT 5 GT TURBO) 9'57"57 - Kmh 103,500

2. GIULIO PANTEGHINI (RENAULT CLIO WILLIAMS) 10'26"10

3. OSCAR GADALDI (RENAULT 5 GT TURBO) 10'36"95

4. LUCIANO MOSCARDI (OPEL ASTRA GSI) 10'48"35

5. GIANLUCA BOSIO (RENAULT CLIO WILLIAMS) 11'21"74




GRUPPO E1A - CLASSE 1600

1. SERGIO MURGIA (CITROEN SAXO VTS) 10'37"52 - Kmh 97,000




GRUPPO E1A - CLASSE 2000

1. MARKUS GASSER (VOLKSWAGEN GOLF GTI) 10'00"16 - Kmh 103,100




GRUPPO E1A - CLASSE OLTRE 3000

1. ADRIANO ANDREOLI (FORD ESCORT COSWORTH) 10'05"87 - Kmh 102,100




GRUPPO E2 SH - CLASSE 3000

1. MARCO GRAMENZI (ALFA ROMEO 4C) 9'44"31 - KmH 105,800







L'attesissima Alfa Romeo 4C di Marco Gramenzi, una delle vetture più ammirate ma ancora non al meglio del suo potenziale
(foto Salvetti)



GRUPPO E2 SH - CLASSE OLTRE 3000

1. GIUSEPPE CAMANINI (PORSCHE 997 R) 9'22"63 - Kmh 109,900

2. ABRAMO ANTONICELLI (BMW M3 V8) 16'05"43







Altra vettura attesa, ma che stavolta non delude le aspettative: la Porsche con alla guida Camanini (foto Salvetti)




GRUPPO GT3 - CLASSE OLTRE 3000

1. ROSARIO PARRINO (PORSCHE 997) 9'16"76 - Kmh 111,100




GRUPPO GT CUP - CLASSE 2000

1. CARLO SCARPELLINI (LOTUS ELISE) 9'39"41 - Kmh 106,700




GRUPPO GT CUP - CLASSE OLTRE 3000

1. ROBERTO RAGAZZI (FERRARI 458 EVO) 9'03"24 - Kmh 113,900

2. SEBASTIANO FRIJO (PORSCHE 997) 9'13"31







Roberto Ragazzi, recente vincitore del "Premio Castellotti 2015", finalmente al via anche a Malegno (foto Salvetti)




GRUPPO CN - CLASSE 2000

1. FRANCESCO TURATELLO (OSELLA PA21-S EVO) 8'20"30 - Kmh 123,600

2. FRANCO MANZONI (OSELLA PA-21 EVO) 8'27"12

3. STEFANO FALCETTA (NORMA M-20 EVO) 8'27"79




GRUPPO E2 SC - CLASSE 1400

1. ALESSANDRO ZAZZARO (RADICAL SR-4) 8'39"11 - Kmh 119,100

2. PAOLO VENTURI (ELIA AVRIO ST-09 EVO) 8'50"81

3. EDGARDO PIETTI (RADICAL SR-4 EVO) 9'36"43







Gradito ritorno di Edgar Pietti, molto popolare tra il pubblico in quanto al via della "Malegno" più volte già negli anni '80
(foto Salvetti)




GRUPPO E2 SC - CLASSE 2000

1. MIRKO ZANARDINI (OSELLA PA-2000 EVO 2) 7'46"84 - Kmh 132,700







Lo sfortunato Michele Fattorini: fermato nella prima manche da un guasto al motore della sua Osella, era uno degli avversari più temibili per Zanardini.




GRUPPO E2 SC - CLASSE 3000

1. RENZO MENEGHETTI (LUCCHINI BMW 06) 8'44"51 - Kmh 117,900




GRUPPO E2 SS - CLASSE 1000

1. MIRKO VENTURATO (FORMULA GLORIA C8 EVO) 8'45"95 - Kmh 117,600

2. ANDREA LAFFRANCHI (FORMULA GLORIA) 8'55"23

3. FABIO BRAGHE' (FORMULA GLORIA C8 CUP) 9'06"66

4. NIK GJEZI (FORMULA GLORIA) 11'06"51




GRUPPO E2 SS - CLASSE 1600

1. ENRICO ZANDONA' (REYNARD 883) 8'18"02 - Kmh 124,200

2. ALESSANDRO TINABURRI (FORMULA GLORIA) 8'34"63




GRUPPO E2 SS - CLASSE 2000

1. GIANCARLO GRAZIOSI (TATUUS FORMULA MASTER) 8'23"32 - Kmh 122,900

2. GINO PEDROTTI (FORMULA RENAULT) 8'26"31

3. MATTEO ARALLA (FORMULA RENAULT) 8'59"28

4. FABIO FRUSCONI (DALLARA F-301) 9'20"60







L'Osella di Adolfo Bottura, così bella ed efficace da portarlo fino al podio: terzo assoluto (foto Salvetti)




GRUPPO E2 SS - CLASSE 3000

1.FAUSTO BORMOLINI (REYNARD K-02) 7'48"00 - Kmh 132,200

2. ADOLFO BOTTURA (OSELLA FA-30 ZYTEK) 8'04"84

3. RENZO NAPIONE (REYNARD K-02) 8'12"19

4. ERMINIO BONETTI (LOLA B-99/50 ZYTEK) 9'03"82

5. ETTORE BONARA (WOLF HONDA F1) 9'24"68







Fausto Bormolini ha mancato per un soffio di fare il "bis" a Borno, ha lottato fino all'ultima curva (foto Salvetti)




GRUPPO AUTO STORICHE

1. ANDREA FIUME (OSELLA PA-8/9) 9'24"28 - Kmh 109,600

2. MAURIZIO SBRILLI (CHEVRON B-23) 9'25"79

3. EMANUELE ARALLA (FORMULA RENAULT JPE) 9'39"46

4. TIZIANO ROMANO (BOGANI SPORT NAZIONALE) 9'46"63

5. ROBERTO BURATTI (VAN DIEMEN RF-79) 10'05"29




  


I primi due classificati nelle Auto Storiche: il vincitore Andrea Fiume su Osella e Maurizio Sbrilli con la fedele Chevron (foto Salvetti)






Poca fortuna per il pur volenteroso Alessio Armeni, ritirato ma comunque apprezzato alle prese con la Porsche (foto Salvetti)



  


Profumo di "anni '80" con queste due splendide vetture, la Ermolli Alfa Romeo di Walter Conforti e, nella passerella di apertura, nientemeno che una Lancia 037 Rally coi colori ufficiali Martini. Una vera delizia per gli occhi (foto Salvetti)