41. TROFEO VALLECAMONICA - 25/26 giugno 2011

 SUPERCAFFI

 Uno splendido weekend di sole saluta questa edizione della Malegno-Ossimo-Borno che, grazie agli sforzi organizzativi, agli invidiabili livelli di sicurezza e a una situazione di continuità in calendario, è ritornata ad avere una titolazione di un certo livello (Trofeo Italiano Velocità Montagna e Fia European Hill Climb Cup) con ambizione di puntare decisamente già nei prossimi anni al Campionato Italiano ed Europeo della Montagna. Le premesse ci sono tutte, avvalorate da un parco partenti di grande qualità.

A promettere fuoco e fiamme ci pensa l'ex F.1 Alex Caffi. Il bresciano, 47 anni di Rovato, neo acquisto della Scuderia Bresciarally del patron Eligio Butturini, aveva già vinto l'edizione 2005 ma la sua vittoria non era stata accompagnata da clamori di festa in quanto oscurata dalla tragedia occorsa al pilota biellese Adriano Parlamento.

Caffi si presenta in grande stile con una nuova Osella FA-30 con propulsore da 3000 cc, una "macchina da guerra" che da un paio di stagioni sta mietendo successi ovunque, mettendo fine a un'imbattibilità che contraddistingueva ormai da tempo le monoposto di Formula 3000, le quali da quando erano state riammesse nell'ambito delle Cronoscalate avevano fatto il vuoto. Per il rovatese una serie di test all'autodromo di Franciacorta a Castrezzato, per saggiare le qualità della vettura e poi l'iscrizione alla classica camuna.

Tuttavia, pur se ormai tutti salutavano Caffi come futuro vincitore del Trofeo Vallecamonica, la cosa non era poi del tutto da dare per scontata. Il "pane per i suoi denti" è rappresentato da un sorprendente e fortissimo Fausto Bormolini di Livigno, della Scuderia bresciana Sport Racing Team, che da consumato "driver" di livello Europeo (disputa ormai da anni il Trofeo Continentale sempre con risultati eccellenti) gli fa capire quantomeno di potergli alitare sul "coppino"!

In prova infatti, il livignasco riesce a mettere in fila tutti, scendendo con facilità sotto i 4 minuti (un eccellente 3'51"18) e precedendo il toscano Franco Cinelli su Lola B99/50 di 1"11 e Renzo Napione al volante di una Reynard F3000. Caffi segna comunque il miglior tempo nella prima salita di prova, pur con un tempo non irresistibile, mentre nella seconda salita un problema a un semiasse gli impedisce di migliorarsi.

Tra i favoriti non va dimenticato il vincitore della passata edizione, il camuno Adriano Zerla il quale vorrebbe bissare il successo dell'anno prima ma si rende conto sin da subito che l'impresa non sarà facile: terzo tempo nella prima salita di prova, mentre nella seconda una "toccata" contro le protezioni gli crea qualche danno di lieve entità, riparato in serata.

Gli "outsider" da tenere d'occhio sono il rientrante Giulio Regosa, ormai fermo da un anno e per di più schieratosi al via con un'Osella ormai al limite della pensione, il valido Denny Zardo (già vincitore assoluto a Borno qualche anno fa) con una vettura di minor cilindrata sulla quale dimostrerà di saperci mettere molto del suo generoso "piede".

In gara le cose vanno decisamente secondo copione, anche se la lotta tra Caffi e Bormolini si rende molto più entusiasmante del previsto, con il pilota della Reynard che nella prima manche di gara segue Caffi di soli 66 centesimi "avvisandolo" di dare il massimo in quanto la seconda manche proprio una passeggiata non sarà. La prima salita ha un che di entusiasmante e vede finalmente crollare il precedente record di Pasquale Irlando che resisteva ormai dal 1999. Record battuto peraltro di pochi centesimi di secondo, ma la "demolizione" finale avviene nella seconda manche di gara.

Giulio Regosa sale regolare, pur con una "imbarcata" ben controllata con mestiere. Con il tempo di 4'06"32 (a onor del vero non irresistibile) si installa in prima posizione assoluta e ci rimane per diversi minuti, precedendo la Lola B99 di Severino Gallini, la Lucchini di Renzo Meneghetti e la Porsche 997 del sorprendente Andrea Mamè.

Denny Zardo sale come un missile con la sua Gloria C8P 1600 e segna un bel 3'55"74 che non viene migliorato nè da Napione, nè dalla Formula Master di Zanardini. Dopo l'ottimo 3'52"76 del toscano Cinelli, l'attesa è per il duo di testa Bormolini-Caffi; il primo sfreccia davanti al traguardo segnando un incredibile 3'44"26 che abbassa ulteriormente il record stabilito nella manche mattutina; il secondo piomba sotto la bandiera a scacchi e letteralmente "sbriciola" il fresco record di altri 2 secondi abbondanti! 3'42"18 alla media di 140 chilometri orari. Nella somma dei tempi (per entrambi sotto il precedente record detenuto sempre da Irlando sin dal '99) i distacchi tra i due sono tutto sommato contenuti in poco meno di tre secondi.

Ottime comunque le prove di tutti gli altri, da Mirko Zanardini che dopo il passaggio dalle Gt alle monoposto si conferma driver di primo livello, ai camuni Putelli e Camanini che si sfidano (il primo al debutto assoluto con l'Osella dopo anni di militanza con vetture Ferrari) a suon di centesimi con la vittoria di Classe di Camanini che per somma dei tempi sopravanza Putelli di oltre tre secondi.

Delusione per Adriano Zerla, che non riesce a eguagliare il risultato dello scorso anno: l'errore del giorno precedente in prova ha evidentemente condizionato anche la gara. Fermatosi durante la prima manche per problemi di assetto, decide comunque di effettuare la seconda manche per non deludere il suo pubblico e riscattandosi con l'ottimo tempo di 3'48"23 (terza miglior prestazione assoluta). Naturalmente ai fini della classifica sarebbe stato necessario ultimare anche la prima salita.

Con Regosa giunto infine settimo assoluto, la sorpresa viene da Andrea Mamè che con una Porsche 997 si mette alle spalle numerosissime vetture Prototipo e monoposto, finendo 10° assoluto!

Buone conferme arrivano dalla spettacolare Alfa 155 Dtm di Franco Perini (primo in Gruppo E1)e dal giovane Cesare Brusa che si aggiudica il Trofeo Under 25 intitolato al compianto Gian Mario Mazzoli. Ottime come sempre le prove dei piloti locali pur se in presenza meno consistente rispetto agli anni passati.

Il Gruppo N se l'aggiudica Maurizio Abate su Mitsubishi in 9 minuti netti, mentre il Gruppo A è appannaggio di Michele Ghirardo, che con la Honda Civic 1600 ha la meglio persino su un nutrito gruppo di Renault Clio di Classe superiore.

Nelle GT CUP dominio del brenese Faustinelli su Lotus Exige GT che la spunta su Pericle Bianchi e la sua decisamente più potente, ma ingombrante, Ferrari.

La gara delle Autostoriche, orfana quest'anno di Nesti, Cremonesi e Bonucci, è comunque valorizzata dalle grandi prove del vincitore Luigi Bormolini, 74enne di Livigno e papà del "tanto figlio" Fausto, di Tiziano Romano che con l'ormai anziana Bogani SN riesce a migliorarsi anno dopo anno, e dei brenesi Giovanni Putelli e Maurizio Sbrilli nonchè di Paolo Borghi. Tutti degli "habituè" di questa gara, ma appunto per questo capaci di garantire spettacolo e risultati, a prescindere dall'età sia delle vetture sia - talvolta - dei conducenti.

Appuntamento al prossimo anno, nella speranza di un altro avanzamento in graduatoria di calendario!

 

Sopra: un momento della gara di Alex Caffi mentre transita subito dopo il bivio per Lozio (foto Jeem Salvetti)

 

Ecco il podio della Malegno-Ossimo-Borno 2011: il vincitore Alex Caffi, con alla sua destra Fausto Bormolini (secondo) e accanto il trevisano Denny Zardo (quarto). Alla sua sinistra il terzo classificato Franco Cinelli e infine Mirko Zanardini classificatosi quinto assoluto (foto Jeem Salvetti)

 

CLASSIFICA ASSOLUTA

(sia per l'assoluta, sia per le graduatorie per Classi, viene tenuto conto delle classifiche ufficiali CSAI)

 1. ALEX CAFFI (OSELLA FA-30) 7'26"93 - kmh 138,40

2. FAUSTO BORMOLINI (REYNARD K02 F.3000) 7'29"67

3. FRANCO CINELLI (LOLA B99/50) 7'43"69

4. DENNY ZARDO (GLORIA C8P/10 EVO) 7'50"47

5. MIRKO ZANARDINI (FORMULA MASTER) 7'59"50

6. RENZO NAPIONE (REYNARD K02 F.3000) 8'04"40

7. GIULIO REGOSA (OSELLA PA-21/S) 8'12"49

8. SEVERINO GALLINI (LOLA B99/50) 8'13"39

9. RENZO MENEGHETTI (LUCCHINI 06 BMW) 8'21"09

10. ANDREA MAME' (PORSCHE 997 GT3) 8'25"82

 

 

 

  Un bellissimo primo piano di Fausto Bormolini 2° assoluto al volante della sua Reynard (foto Jeem)

 

 GRUPPO RS2

 

1. MARIO TACCHINI (FIAT PUNTO SPORTING) 11'53"75 - Kmh 86,66

 

 

 

Il bergamasco Mario Tacchini, quintessenza della passione pura per l'automobilismo, sempre al via a Malegno a 40 anni esatti dalla sua prima presenza in Valle (foto Jeem Salvetti)

 

 

GRUPPO RS4

 

1. GIAN MARIO MAFFEZZONI (RENAULT CLIO SPORT) 12'23"85 - Kmh 83,16

 

 

GRUPPO N - CLASSE 1600

 

1. LORENZO ACCORSI (PEUGEOT 106 S16) 9'53"83 - Kmh 104,16

2. MATTEO BOMMARTINI (HONDA CIVIC) 9'55"03

3. ANDREA DRAGO (CITROEN SAXO VTS) 9'58"58

4. DOMENICO ANESI (HONDA CIVIC EK4) 10'00"80

5. EMANUELE SPOSETTI (CITROEN SAXO VTS) 10'18"51

6. MARCO BALLARDINI (PEUGEOT 106 S16) 10'28"85

7. GIOVANNI VIELMI (CITROEN SAXO VTS) 10'32"74

8. MANUEL BAISOTTI (PEUGEOT 106 S16) 10'36"04

9. SANDRO BELLICINI (PEUGEOT 106 S16) 10'47"36

10. SANDRO SASSELLI (PEUGEOT 106 S16) 10'48"63

 

 

   

 

Ecco i vincitori di Classe del Gruppo N, rispettivamente: Lorenzo Accorsi (Classe 1600), Michele Buiatti (2000), Maurizio Abate (+3000)

 

 

GRUPPO N - CLASSE 2000

 

1. MICHELE BUIATTI (HONDA CIVIC) 9'21"37 - Kmh 110,19

2. TONINO COSSU (RENAULT CLIO RS) 9'54"53

3. GIORGIO MENDENI (RENAULT CLIO RS LIGHT) 9'55"15

4. MARCELLO MACALLI (RENAULT CLIO RS LIGHT) 10'07"18

5. LUCA TOMASI (RENAULT CLIO) 10'44"53

 

 

GRUPPO N - CLASSE OLTRE 3000

 

1. MAURIZIO ABATE (MITSUBISHI EVO 9) 9'00"94 - Kmh 114,35

2. MARIO MURGIA (MITSUBISHI EVO 8) 9'21"61

 

 

 

  GRUPPO A - CLASSE 1600

 

1. MICHELE GHIRARDO (HONDA CIVIC EK4) 9'17"34 - Kmh 110,98

2. CLAUDIO FATTORELLI (HONDA CIVIC EK4) 9'24"92

3. FABRIZIO BOMMARTINI (HONDA CIVIC) 9'28"57

4. GIANANTONIO FRANZONI (CITROEN SAXO VTS) 9'37"79

5. ALBERTO CIOFFI (PEUGEOT 206 S) 9'40"32

6. MICHELE MANCIN (CITROEN SAXO VTS) 9'40"88

7. FRANCESCO BALLARINI (CITROEN C2 S) 9'42"72

8. ROBERTO MENDENI (CITROEN C2) 9'57"72

9. FLAVIO REBOLDI (PEUGEOT 106 S16) 9'57"80

10. CRISTIAN MIGNOCCHI (CITROEN C2) 10'42"32

 

 

 

GRUPPO A - CLASSE 2000

 

1. IVAN ORSIGNOLA (RENAULT CLIO RS) 9'27"88 - Kmh 108,92

2. GIUSEPPE ZENDRA (RENAULT CLIO R3 C) 9'33"44

3. ROBERTO TOTTOLI (RENAULT CLIO R3 C) 9'44"97

4. CHRISTIAN RAPUZZI (RENAULT CLIO R3 C) 9'46"56

5. EZIO FILINI (RENAULT CLIO R3 C) 9'50"20

6. MASSIMO PUTELLI (RENAULT CLIO R3 C) 9'57"17

 

 

 

 

Ed ecco i vincitori nel Gruppo A. A sinistra: Michele Ghirardo (Classe 1600) e a destra Ivan Orsignola (Classe 2000)

 

 

GRUPPO E1 it - CLASSE 1400

 

1. ANTONINO ODDO (PEUGEOT 106 RALLYE) 9'52"43 - Kmh 104,41

 

 

GRUPPO E1 it - CLASSE 1600

 

1. LUCA GAETANI (CITROEN C2) 9'19"27 - Kmh 110,60

2. FRANCESCO "ZIO FESTER" BARESI (HONDA CIVIC VTEC) 10'18"71

 

 

GRUPPO E1 it - CLASSE 2000

 

1. CESARE BRUSA (RENAULT CLIO) 8'56"95 - Kmh 115,20

2. LUCA TOSINI (OPEL ASTRA OPC) 9'07"56

3. LUIGI CIOFFI (RENAULT CLIO RS) 9'26"76

4. ALESSIO COMINCIOLI (RENAULT CLIO CUP) 10'14"86

5. ROSARIO DAVOLI (ALFA ROMEO 156) 10'27"66

 

 

 

Cesare Brusa si riconferma il migliore tra gli Under 25 (foto Jeem Salvetti)

 

 

 

GRUPPO E1 it - CLASSE 3000

 

1. FRANCO PERINI (ALFA ROMEO 155 DTM) 8'35"60 - Kmh 119,97

2. ANDREA GUIDI (RENAULT 5 GT TURBO) 9'35"91

3. SEBASTIANO FRIJO (RENAULT CLIO V6) 10'07"06

4. ABRAMO ANTONICELLI (BMW M3 GTR) 10'09"75

 

 

 

Il sempre spettacolare Franco Perini con la sua Alfa Romeo 155 Dtm (foto Jeem Salvetti)

 

 

GRUPPO E1 it - CLASSE OLTRE 3000

 

1. OSVALDO MARCHETTI (BMW 320) 10'50"93 - Kmh 95,03

 

 

 

GRUPPO GTCUP - CLASSE 2000

 

1. DARIO BAITA (LOTUS EXIGE SPORT) 9'43"28 - Kmh 106,05

2. INNOCENTE CHIAPPINI (LOTUS ELISE) 10'14"00

 

 

 

Una nuova vittoria di Classe e di Gruppo per il sempreverde Fabio Faustinelli (foto Jeem Salvetti)

 

 

GRUPPO GTCUP - CLASSE OLTRE 3000

 

1. FABIO FAUSTINELLI (LOTUS EXIGE GT CUP) 9'06"95 - Kmh 113,09

2. PERICLE BIANCHI (FERRARI 360 MODENA) 9'19"83

3. ROSARIO PARRINO (PORSCHE 997 GT3) 9'28"96

 

 

 

 

Sopra: poca fortuna stavolta per Rosario Parrino, in testacoda con la sua Porsche al tornante dei Due Ponti. L'errore gli costa una sicura vittoria di Classe. (foto Jeem)

 

 

 GRUPPO GT3 - CLASSE 3000

 

1. ANDREA MAME' (PORSCHE 997 GT3) 8'25"82 - Kmh 122,29

 

 

 

E' invece andata decisamente meglio ad Andrea Mamè che sempre su Porsche ottiene il 10° posto Assoluto (foto Jeem Salvetti)

 

 

GRUPPO GT1 - CLASSE OLTRE 3000

 

1. SILVANO BRANDI (CHEVROLET CORVETTE C5) 10'09"88 - Kmh 101,42

 

 

 

GRUPPO CN - PROTOTIPI DI SERIE - CLASSE 1600

 

1. MARCO CAPUCCI (OSELLA PA-21/S) 8'39"68 - Kmh 119,00

 

 

 

 

GRUPPO CN - PROTOTIPI DI SERIE - CLASSE 2000

 

1. GIUSEPPE CAMANINI (OSELLA PA-21/S) 8'30"70 - Kmh 121,12

2. FRANCO PUTELLI (OSELLA PA-21/S) 8'33"15

3. EZIO BELLIN (OSELLA PA-21/S) 8'44"16

4. STEFANO FALCETTA (NORMA M20) 8'52"97

 

 

 

 

Uno contro l'altro, praticamente...camuni! A sinistra: Franco Putelli alla prima esperienza con l'Osella e a destra Giuseppe Camanini, più veloce grazie anche a più gare alle spalle con un'identica vettura.

 

 

 

GRUPPO CN - PROTOTIPI DI SERIE - CLASSE 3000

 

1. FABRIZIO PERONI (OSELLA PA-20/S) 8'26"48 - Kmh 122,13

2. FRANCO MANZONI (OSELLA PA-20/S) 8'29"44

 

 

GRUPPO E2B - CLASSE 1000

 

1. PAOLO VENTURI (ELIA AVRIO ST09 EVO) 9'13"37 - Kmh 111,78

 

 

 

GRUPPO E2B - CLASSE 1600

 

1. ADOLFO BOTTURA (RADICAL SR4) 9'06"42 - Kmh 113,20

 

 

 

GRUPPO E2B - CLASSE 2500

 

1. GIULIO REGOSA (OSELLA PA-21/S) 8'12"49 - Kmh 125,60

 

 

GRUPPO E2B - CLASSE 3000

 

1. RENZO MENEGHETTI (LUCCHINI 06 BMW) 8'21"09 - Kmh 123,44

2. GIANCARLO BIGAZZI (OSELLA PA-20/S) 9'47"04

 

 

 

Adriano Zerla non ha altrettanta fortuna rispetto al 2010: grande protagonista nella seconda salita ma "non pervenuto" nella prima...

 

 

 

 GRUPPO E2M - CLASSE 1000

 

1. LUCA TRAPLETTI (GHIPARD MONOPOSTO) 8'57"66 - Kmh 115,05

 

 

 

La Ghipard del costruttore Ghidini, portata in gara questa volta da Luca Trapletti, anche lui molto abile nel sfruttare le potenzialità di questo "millino".

 

 

GRUPPO E2M - CLASSE 1600

 

1. DENNY ZARDO (GLORIA C8P/10 EVO) 7'50"47 - Kmh 131,48

 

 

 

 

Non è più il tempo della "Zeta" di Zorro, bensì di quelle di Zanardini (a sinistra, 5° assoluto) e Zardo (a destra, brillante 4° con la Gloria 1600).

 

 

GRUPPO E2M - CLASSE 2000

 

1. MIRKO ZANARDINI (FORMULA MASTER) 7'59"50 - Kmh 129,00

 

 

GRUPPO E2M - CLASSE 3000

 

1. ALEX CAFFI (OSELLA FA-30) 7'26"93 - Kmh 138,40

2. FAUSTO BORMOLINI (REYNARD K02 F.3000) 7'29"67

3. FRANCO CINELLI (LOLA B99/50) 7'43"69

4. RENZO NAPIONE (REYNARD K02 F.3000) 8'04"40

5. SEVERINO GALLINI (LOLA B99/50) 8'13"39

6. ETTORE BONARA (REYNARD F.3000) 8'35"05

7. ERMINIO BONETTI (LOLA 96/50) 8'43"60

 

 

   

 

A sinistra: Franco Cinelli e a destra Renzo Napione, rispettivamente 3° e 6° assoluto. Sotto: un altro passaggio di Alex Caffi.

 

 

 

 

 

GRUPPO E3  - CLASSIFICA ASSOLUTA

 

1. CRISTIAN PELAMATTI (RENAULT CLIO WILLIAMS) 9'26"06 - Kmh 109,27

2. ANDREA LOMBARDI (BMW M3) 9'42"39

3. ADRIANO ANDREOLI (FORD ESCORT COSWORTH) 9'47"11

4. GIULIO PANTEGHINI (RENAULT CLIO WILLIAMS) 10'00"49

5. PIETRO CHIARELLI (HONDA CIVIC VTI) 10'20"29

6. ROBERTO AMICI (RENAULT 5 GT TURBO) 10'28"15

7. BORTOLO MENDENI (PEUGEOT 106) 10'34"22

8. ANGELO FRANZONI (PEUGEOT 205 RALLYE) 10'43"61

9. CRISTIAN FURLONI (PEUGEOT 106 XSI) 10'53"08

10. ANTONIO REGHENZANI (PEUGEOT 106) 11'05"54

11. VITTORIO BOMMARTINI (RENAULT 5 GT TURBO) 11'09"12

12. GIULIANO MAFFESSOLI (PEUGEOT 309 GTI) 11'10"35

13. "DARIOESOPO" (ALFA ROMEO 33) 11'35"40

14. ANDREA SILLISTRINI (PEUGEOT 106 RALLYE) 11'38"87

15. FABIO BORBONI (FIAT RITMO 130 ABARTH) 11'49"14

16. BRUNO VICINO (ALFA ROMEO GT) 13'36"51

 

 

   

 

Alti e bassi nella E3, con la vittoria di Cristian Pelamatti (a sinistra) che fa da contraltare al competitivo (ma stavolta sfortunato) Pierluigi Macario, a piedi col cambio rotto dopo un'ottima prima manche.

 

 

 

AUTO STORICHE  - CLASSIFICA ASSOLUTA

 

1. LUIGI BORMOLINI (OSELLA PA-9) 8'51"26 - Kmh 116,43

2. TIZIANO ROMANO (BOGANI SPORT NAZIONALE) 9'15"29

3. GIOVANNI PUTELLI (LUCCHINI SN 87) 9'20"31

4. PAOLO BORGHI (LOLA T492) 9'31"44

5. GIOVANNI AMBROSO (OSELLA PA-9/90) 9'48"01

 

 

   

 

Sopra a sinistra: il ritorno di Roberto Garbelli, di nuovo al via con la Fiat 126 come 25 anni fa. A destra: ottimo secondo posto per la Bogani di Tiziano Romano nelle Autostoriche. Sotto: con la consueta grinta Maurizio Sbrilli e l'infallibile Bmw 2002 (foto Jeem Salvetti)

 

 

Sotto: il vincitore delle Autostoriche, Bormolini senior!