11. TROFEO VALLECAMONICA - 7/8 settembre 1974

Boeris, toccata e fuga

Cinque anni dopo Pilone, un altro piemontese iscrive il suo nome nell'Albo d'Oro della Malegno-Borno. Si chiama Giovanni Boeris 35 anni di Grugliasco, la sua è un'estemporanea quanto unica apparizione a Malegno: costretto a saltare per motivi tecnici un'altra salita a cui doveva partecipare - la Cefalù-Gibilmanna, concomitante con il Trofeo Valcamonica - si iscrive alla gara praticamente all'ultimo minuto, giusto il tempo di verificare la propria vettura e fare qualche sopralluogo per imparare il percorso. Sono oltre 230 gli iscritti, grande assente "Pam" che si è preso una pausa di riflessione dalle competizioni. Qualcosa è cambiato nel parco vetture: la lotta per l'assoluto ormai è riservata solamente ai nuovi prototipi Chevron, Osella e March i quali impiegheranno veramente poco tempo per far crollare i precedenti record stabiliti dalle varie Ferrari, Porsche e Abarth negli anni precedenti, anche se, ancora per quest'anno, il vecchio record di "Pam" del 1971 resisterà. L'edizione del 1974 è ricordata anche per una protesta ufficiale da parte delle Scuderie bresciane "Brescia Corse" e "Mirabella" che minacciano di non prender parte alla competizione. Motivazione ufficiale: "Contro la scarsa sensibilità ai problemi sportivi da parte dell'AC Brescia" con lettera inviata direttamente alla Pro Loco di Borno. Molti dei piloti delle due Scuderie non presero il via alla gara, mentre i restanti preferirono correre a titolo personale. In realtà i problemi sportivi automobilistici di quel periodo non sono legati solo alla Malegno-Borno: dall'anno precedente l'Italia si trovava in clima di "austerity" e di crisi petrolifera, c'erano le domeniche a piedi o la circolazione a targhe alterne; lo stesso clima aveva notevolmente penalizzato anche i piloti, dal momento che dovevano recarsi alle competizioni guidando la propria vettura di gara. Ciò creava gravi problemi anche agli organizzatori delle gare, che si videro costretti ad annullarne parecchie: se nel 1970 le cronoscalate disputate erano poco più di una cinquantina, nel 1974 sono solo venticinque. La Malegno-Borno era rimasta di fatto l'unica cronoscalata ancora in vita nel calendario automobilistico bresciano, dopo la sospensione, via via, della "Colle S.Eusebio", della "Sarezzo-Lumezzane" di parecchi anni prima, e della "Monte Maddalena". Ma torniamo alla cronaca della gara. Le prove indicano come favorito Achille Marzi, già ben piazzato nell'edizione precedente e ben deciso a puntare all'assoluto, che stabilisce il miglior tempo in 4'25"7. Alle sue spalle Boeris e Savoldi, di poco staccati. Nella gara Marzi si migliora di ben 11" ma Boeris fa addirittura meglio di lui, privandolo della vittoria assoluta per un solo secondo di distacco. Un gran Savoldi sfiora il podio con un'Osella 1600, mettendosi dietro numerosi piloti con vetture da due litri. La prima delle Lancia Stratos in gara, quella di Paleari, compare in classifica generale all'8° posto con un tempo incredibile (col quale solo 3-4 anni prima avrebbe avuto molte chances per la vittoria!).

Piuttosto numerosi anche gli incidenti, alcuni dei quali spettacolari, come quello occorso a Rabitti con la Simca R2, a Capoferri su Fiat 500 ma soprattutto a Filippo Filippuzzi della Scuderia Friuli. Il pilota, 46 anni, alla guida della sua Abarth 1800 Spider Gr.3 esce di strada durante la "esse" che precede il traguardo di circa un km. L'Abarth compie un pauroso volo di circa 20 metri e finisce nel prato sottostante. Il pilota, subito soccorso a gara interrotta, riporta numerose contusioni ma se la caverà con pochi giorni d'ospedale.

Numerose le Simca R2 presenti al via nella categoria Turismo 1300: la Simca Italia infatti, è protagonista di una iniziativa per favorire i piloti dilettanti e mette a loro disposizione svariati esemplari a condizioni molto favorevoli.

Si distinguono come sempre i piloti locali: Ferruccio Zanardelli che da anni non manca mai l'appuntamento con il piazzamento di classe; Rosadele Facetti sempre grintosa ma che stavolta non riesce a spuntarla; il "vecchio" Severino Ronchi (quasi 60enne) e Guido Caffi, fratello di Angelo e zio di un altro Caffi che 30 anni più tardi vincerà a sua volta un Trofeo Valcamonica: Alex.

Ma ecco di seguito la classifica completa:

 

CLASSIFICA ASSOLUTA

1. GIOVANNI BOERIS (ABARTH OSELLA 2000) 4'13"72 - Kmh 122,024

2. ACHILLE MARZI (CHEVRON B26) 4'14"86

3. LUCIANO LOVATO (ABARTH 2000) 4'22"79

4. GIUSEPPE SAVOLDI (ABARTH OSELLA 1600) 4'23"67

5. PASQUALE ANASTASIO (CHEVRON 1600) 4'27"64

6. "ALVAL" (ABARTH OSELLA 2000) 4'27"93

7. SALVATORE PELLEGRINO (CHEVRON 2000) 4'31"76

8. EMILIO PALEARI (LANCIA STRATOS 3000) 4'32"79

9. GIUSEPPE RANZOLIN (CHEVRON 1300)

10. "TATOG" (MARCH BMW 2000) 4'37"21

 

 

 

 

 

             

          

 

 

A sinistra: il vincitore dell'11a edizione, Giovanni Boeris su Abarth Osella (dal libro di Alberto Redaelli "Il rombo nel cuore")

 


 

 

GRUPPO 1 TURISMO DI SERIE - CLASSE 850

1. GIORGIO SPILLER (FIAT 850) 6'19"46 - Kmh 81,589

2. LUIGI CARLETTO (FIAT 850) 6'19"55

3. PREDONZAN (FIAT 850) 6'20"58

 

GRUPPO 1 TURISMO DI SERIE - CLASSE 1000

1. CORNELIO RIGANTI (A 112) 5'50"53 - Kmh 88,323

2. COMPOY (A 112) 5'54"57

3. DANESI (A 112) 5'59"81

 

GRUPPO 1 TURISMO DI SERIE - CLASSE 1150

1. GIORGIO GIORGI (FIAT 128) 5'50"00 - Kmh 88,457

2. BOTTAZZI (FIAT 128) 5'53"90

3. TURETTA (FIAT 128) 5'54"60

 

GRUPPO 1 TURISMO DI SERIE - CLASSE 1300

1. BRUNO BOCCONI (SIMCA R2) 5'32"24 - Kmh 93,185

2. FIORINI (SIMCA R2) 5'37"09

3. GIORATO (SIMCA R2) 5'39"32

 

 

GRUPPO 1 TURISMO DI SERIE - CLASSE 1600

1. NINO CAMPANI (ALFA ROMEO GT JUNIOR) 5'34"20 - Kmh 92,478

2. FURLANETTO (ALFA ROMEO GT) 5'40"13

3. GHIDINI (ALFA ROMEO GT) 5'44"31

 

GRUPPO 1 TURISMO DI SERIE - CLASSE 2000

1. ARCADIO PEZZALI (ALFA ROMEO GT) 5'21"23 - Kmh 96,379

2. TACCHINI (ALFA ROMEO GT) 5'29"19

3. HERBERT KUNTNER (BMW) 5'50"36

 

 

 

GRUPPO 1 TURISMO DI SERIE - CLASSE OLTRE 2000

 1. CLAUDIO ZANUCCOLI (OPEL) 5'22"91 - Kmh 95,878

2. CARMONA (FORD CAPRI) 6'14"33

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 500

1. GIUSEPPE NART (FIAT 500) 6'07"56 - Kmh 84,231

2. "PADO" (FIAT 500 GIANNINI) 6'09"89

3. RINO AMIGHINI (GIANNINI 500) 6'12"61

 

 TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 600

1. TIBELI (ABARTH 595) 5'51"58 - Kmh 88,059

2. RICCI (FIAT ABARTH 595) 5'57"72

3. "CHARLY" (FIAT ABARTH 595) 6'14"53






Nella foto inviataci da Mauro Maffei, ecco il vincitore di Classe 600, Tibeli

 

 

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 700

 

1. ANTONIO AUDISIO (FIAT 695) 5'41"27 - Kmh 90,719

2. BATTISTA ANTONINI (FIAT ABARTH 695) 5'44"32

3. ROBERTO CALORE (FIAT ABARTH 695) 6'00"68

 

 

 


 

Carambola, presso il ponte che precede Borno, per l'Abarth di Capoferri (foto da "Autosprint")

 

 

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 850

 

1. PIETRO BISELLI (FIAT 850) 5'30"13 - Kmh 93,781

2. ZANNONI (FIAT ABARTH 850) 5'38"53

3. FANTINEL (FIAT ABARTH 850) 5'57"29

 

 

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 1000

 

1. FERRUCCIO ZANARDELLI (ABARTH 1000) 5'16"02 - Kmh 97,968

2. TROLESE (NSU TT) 5'40"63

3. LIOTTA (FIAT 127) 5'58"19

 

 

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 1150

 

1. "GILENA" (FIAT 128) 5'13"88 - Kmh 98,636

2. BORMOLINI (FIAT 128) 5'17"23

3. COZZAROLO (FIAT 128) 5'17"57







Germano Prenol, meglio conosciuto come "Willer" (©Actualfoto)

 

 

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 1300

 

1. GIORDANO PEREGO (ALFA ROMEO GTA) 4'48"59 - Kmh 107,280

2. DUILIO GHISLOTTI (ALFA ROMEO GTA) 4'52"37

3. GIGI DEI CAS (ALFA ROMEO GTA) 5'00"47

 

 

 

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 1600

 

1. SILVANO CAMPESAN (BMW 1600) 5'08"06 - Kmh 100,499

2. ROSSI (ALFA ROMEO GTV) 5'10"94

3. PELLANDA (BMW 1600) 5'11"57

 

 

 

TURISMO SPECIALE GRUPPO 2 - CLASSE 2000

 

1. GIUSEPPE CONFORTOLA (ALFA ROMEO GTA) 4'51"81 - Kmh 106,081

2. TORELLI (BMW 2000) 5'05"30

3. FRESCHI (FORD ESCORT) 5'25"66

 

 

 

 

 GRUPPO 3 GRAN TURISMO DI SERIE - CLASSE 1300

 

1. ALDO FRISANI (LANCIA FULVIA HF) 5'45"14 - Kmh 89,702

2. DEL MAS (LANCIA FULVIA HF) 5'51"49

3. DAL BELLO (LANCIA FULVIA HF) 5'53"17

 






Anche Caramaschi talvolta "parcheggia" la sua Abarth ruote all'aria (foto di Dario Baita)

 

 



GRUPPO 3 GRAN TURISMO DI SERIE - CLASSE 1600

 

1. MARCELLO CIPRIANI (ALPINE RENAULT 1600) 5'03"56 - Kmh 101,989

2. CAMPACI (ALPINE 1600) 5'06"47

3. NANO (ALPINE 1600) 5'10"08

 

 

 

GRUPPO 3 GRAN TURISMO DI SERIE - CLASSE 2000

 

1. MASSIMO SIENA (ABARTH) 5'17"29 - Kmh 97,576

2. ZANINI (ABARTH) 5'20"85

3. ZUEGG (ABARTH) 5'21"31


 

 

 

GRUPPO 3 GRAN TURISMO NAZIONALE - CLASSE OLTRE 2000

 

1. LUIGI MORESCHI (DE TOMASO PANTERA) 4'52"10 - Kmh 105,991

2. CALO' (DE TOMASO PANTERA) 5'09"32

 

 

 

GRAN TURISMO SPECIALE GRUPPO 4 - CLASSE 1000

 

1. PAOLO FRISO (ABARTH 1000) 5'35"72 - Kmh 92,219

2. AZZALINI (ABARTH 1000) 5'47"21

3. PAOLO CARLO BRAMBILLA (ABARTH 1000) 5'47"59

 

 

 

GRAN TURISMO SPECIALE GRUPPO 4 - CLASSE 1300

 

1. GIACINTO CAIO (FIAT X 1/9) 5'02"79 - Kmh 102,282

2. GUIDO CAFFI (ALPINE) 5'03"17

3. RONCHI (LANCIA FULVIA) 5'16"66

 

 

 

 

GRAN TURISMO SPECIALE GRUPPO 4 - CLASSE 1600

 

1. "CARTER" (ALPINE 1600) 4'50"70 - Kmh 106,501

2. "BRUNONE" (ALFA ROMEO) 4'58"66

3. ROSSI (ALFA ROMEO) 5'03"95

 

 

 

 

 

GRAN TURISMO SPECIALE GRUPPO 4 - CLASSE 2000

 

1. "TONY" (ALPINE RENAULT) 4'41"73 - Kmh 109,892

2. CODOGNATO CAPUZZO (ALPINE RENAULT) 4'58"95

3. CUGEL (ALPINE RENAULT) 5'01"63

 

 

 

GRAN TURISMO SPECIALE GRUPPO 4 - CLASSE OLTRE 2000

 

1. GIROLAMO CAPRA (PORSCHE CARRERA) 5'04"71 - Kmh 101,604

 

 

 

 

SPORT GRUPPO 5 - CLASSE 1000

 

1. "RAGASTAS" (DALLARA 1000) 4'44"08 - Kmh 108,983

2. PFITSCHER (AMS 1000) 4'52"90

3. VANNINI (AMS 1000) 5'08"83

 

 

 

SPORT GRUPPO 5 - CLASSE 1300

 

1. GIUSEPPE RANZOLIN (CHEVRON) 4'36"76 - Kmh 111,906

2. "JOHN-JOHN" (DALLARA 1300) 4'42"26

3. REBAI (ABARTH 1300) 4'45"26

 

 

 

SPORT GRUPPO 5 - CLASSE 1600

 

1. GIUSEPPE SAVOLDI (ABARTH OSELLA) 4'23"67 - Kmh 117,419

2. PASQUALE ANASTASIO (CHEVRON) 4'27"64

3. "ROBERTO" (LOLA 1600) 4'41"29

 

 

 

SPORT GRUPPO 5 - CLASSE 2000

 

1. GIOVANNI BOERIS (ABARTH OSELLA) 4'13"72 - Kmh 122,024

2. ACHILLE MARZI (CHEVRON B26) 4'14"86

3. LUCIANO LOVATO (ABARTH OSELLA) 4'22"79

4. "ALVAL" (OSELLA BMW) 4'27"93

5. SALVATORE PELLEGRINO (CHEVRON) 4'31"76

6. "TATOG" (MARCH) 4'37"21

 

 

 

 

SPORT GRUPPO 5 - CLASSE 3000

 

1. EMILIO PALEARI (LANCIA STRATOS 3000) 4'32"79 - Kmh 113,493

2. PELGANTA (LANCIA STRATOS 3000) 5'07"31

 

 

 



Una rara immagine della Lancia Stratos di Paleari, fornitaci dall'indimenticato Dario Baita